dal network
December 13, 2021

La concentrazione delle professioni. L'intervista di Space for Pedia a Luca Parenti, founder di Harpalis

Con la crescente concentrazione dei mercati e delle filiere uno dei grandi temi del momento insieme a digitalizzazione e sostenibilità è quello dell’aggregazione. Ci sono numeri significativi che danno un’idea dell’entità del fenomeno: diminuiscono i lavoratori autonomi e aumentano le concentrazioni in studi professionali di una certa qualità. Luca Parenti, uno dei founder di Harpalis, ne parla a Space for Pedia, l'open space della conoscenza.

Le imprese hanno sempre più necessità di prendere decisioni rapide in tempi brevi e di essere seguite costantemente in questo loro percorso. Si aprono spazi per nuovi professionisti che hanno competenze tradizionali erogate però con modelli organizzativi nuovi, che consentano di essere più vicini alle imprese e ai loro numerosi nuovi bisogni.

Negli ultimi anni il mercato dei servizi alle imprese è cambiato, seguendo l’evoluzione dei bisogni delle aziende: le PMI stanno passando ad un tipo di organizzazione più complessa, e hanno la necessità di aggregarsi per motivi organizzativi, finanziari e di mercato. Lo stesso vale per le professioni, che specularmente non fanno altro che riflettere il bisogno delle aziende, per cui anch’esse si trovano davanti alla necessità di aggregarsi.

Oggi il mercato è diventato più complesso, per questo a servizi tradizionali se ne sono affiancati molti altri. I fattori che influenzano tutto ciò sono diversi, primo fra tutti la trasformazione digitale in corso. L’imprenditore per primo deve porsi delle domande, chiedendosi prima di tutto qual è il proprio posizionamento, per poi capire di che servizi necessita. Tre i temi prioritari su cui gli imprenditori dovrebbero concentrarsi: internazionalizzazione, sostenibilità ed equilibrio finanziario.

I servizi prestati dal professionista, da quelli più tradizionali a quelli più nuovi, devono essere a valore aggiunto e vanno comunque offerti in forma organizzata, sinergicamente tra di loro, all’insegna della multidisciplinarietà: la risposta di uno specialista deve trasformarsi in quella di più specialisti. Le organizzazioni e le aggregazioni consentono proprio questo: la formula tradizionale di un presidio sul territorio con la novità di un’erogazione di servizi in forma organizzata, che porti in tempi ragionevoli la risposta di più specialisti.